Ormone della crescita: funzioni, come stimolarlo ed effetti sul corpo

Nel torrente circolatorio l’ormone della crescita circola legato ad una proteina di trasporto detta GHBP, prodotta soprattutto a livello epatico. Ciò porterebbe a dedurre che chi non avesse la possibilità di dormire di notte “potrebbe” non sintetizzare livelli sufficienti di ormone della crescita. Il GH può favorire inoltre la proliferazione delle cellule muscolari, contribuendo così a un aumento del numero complessivo di cellule muscolari, noto come iperplasia muscolare. Questo test coinvolge la raccolta di campioni di sangue durante la notte per misurare la produzione di GH durante il sonno, quando è generalmente più elevata. E’ il coordinatore del movimento cellulare, ciò che contribuisce alla nostra salute e vitalità.

A cosa serve il GH?

Il cosiddetto ormone della crescita è una molecola chiave nel complesso meccanismo del nostro corpo e svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo fisico e nella regolazione di numerose funzioni metaboliche. Noto anche come somatotropina o ormone somatotropo (GH o HGH), è al centro di importanti processi biologici. Sebbene sia principalmente associato alla crescita infantile, il suo lavoro non si ferma una volta raggiunta l’età adulta. Quando l’organismo non produce GH in quantità sufficiente, gli effetti di questa mancanza si estendono ben oltre lo sviluppo e riguardano molteplici altri aspetti del nostro benessere generale.

  • Per contro, un soggetto che non assuma quantità sufficienti di proteine nella dieta, potrebbe trarre vantaggio dall’integrazione alimentare di proteine o di arginina.
  • L’ormone della crescita non è prodotto in modo costante né nel corso della vita né nel corso della singola giornata.
  • L’attività fisica intensa, come l’esercizio anaerobico e l’allenamento di resistenza, rappresenta uno dei principali stimoli per l’aumento della produzione di GH.
  • Il dosaggio di GH variava considerevolmente e la durata della terapia andava da due a 52 settimane.
  • La terapia richiede una supervisione medica attenta e viene adattata alle esigenze specifiche di ciascun paziente.

Ormone della crescita: funzioni ed effetti collaterali. Come stimolarlo?

Il GH (acronimo di growth hormone), conosciuto anche come somatotropina od ormone somatotropo (STH), è un mediatore biochimico di natura peptidica secreto dall’ipofisi o ghiandola pituitaria. Si utilizzano le curve di crescita per confrontare l’altezza del bambino con i valori normali per la sua età. Un rallentamento della crescita può essere un segno di deficit dell’ormone della crescita. Durante il giorno si formano https://ecolesanahilwa.dz/aumento-di-peso-cause-e-rimedi-per-combatterlo/ solo piccole quantità, di notte il livello ormonale è al massimo. La ghiandola rilascia l’ormone nel sangue, attraverso il quale viaggia verso gli organi bersaglio. Nei bambini piccoli i livelli di produzione dell’ormone della crescita sono normalmente bassi, aumentano in maniera graduale durante l’infanzia fino ad arrivare, durante la pubertà, a un picco che coincide con il periodo di maggiore velocità di crescita.

Quali fattori favoriscono la produzione di GH?

Tutti gli esseri umani crescono, poi invecchiano, ma va da sé che l’ormone della crescita è particolarmente importante nell’infanzia, quando il bambino si sta formando. Questo ormone, chiamato anche somatotropo o somatropina, e conosciuto anche con la sigla GH, in realtà è una proteina che viene prodotta dall’ipofisi, fondamentale perché il processo di sviluppo e crescita sia regolare. Da un punto di vista più funzionale sono invece due gli ambiti in cui si osserva la maggior influenza da parte dell’ormone della crescita. Studi successivi dimostrarono che il GH interviene precocemente nella formazione dell’osso e l’IGF-1, attraverso un sistema a doppio effettore, interviene tardivamente. L’ormone della crescita agisce sui precondrociti, promuovendono la moltiplicazione cellulare. Successivamente, il GH promuove a livello locale la biosintesi di IGF-1 che agisce come ormone paracrino se non autocrino.

Nell’età adulta, il GH smette di avere un ruolo plastico, nel senso stretto dell’accrescimento in volume e estensione di ossa ed organi. Tuttavia, il fisiologico mantenimento stabile della concentrazione di GH permette l’omeostasi tissutale. Variazioni della concentrazione fisiologica dell’ormone, sia in senso positivo sia in senso negativo, determinano alterazioni del metabolismo che si ripercuotono anche nella morfologia ossea e degli organi. La terapia sostitutiva con ormone della crescita, una “fotocopia” di quello naturale prodotto dall’ipofisi ottenuta attraverso il DNA, è in grado di migliorare sensibilmente la statura finale dei bambini con deficit di questo ormone. In ogni bambino con diagnosi di deficit di ormone della crescita, prima di iniziare il trattamento, è indicato eseguire una risonanza magnetica cerebrale, ponendo una particolare attenzione alla regione ipotalamo-ipofisaria. In presenza di alcuni fattori o condizioni il rilascio dell’ormone della crescita può diminuire.